Il Peregrine Lunar Lander della Astrobiotic lanciato il 24 dicembre, porterà sulla Luna carichi utili per le future missioni lunari

Il Peregrine Lunar Lander sarà lanciato il 24 dicembre

USAwenHop

Il Peregrine Lunar Lander, se tutto andrà secondo i piani, sfreccerà nello spazio e volerà verso la Luna. Quindi abbasserà la sua orbita fino ad atterrare su una regione di antichi flussi di lava lunare, conosciuta come Baia della Vischiosità.

Questa missione entrerà nei libri di storia per diverse ragioni. Sarà la prima a essere lanciata nell’ambito dell’iniziativa Commercial Lunar Payload Services (CLPS) della NASA, creata come un modo per l’agenzia di portare carichi utili sulla Luna. In questo caso, dietro il Peregrine Lunar Lander c’è la società Astrobiotic. La NASA ha pagato per riporre alcuni strumenti scientifici a bordo.

Il carico utile della missione

Per quanto riguarda il razzo, Peregrine decollerà con il primo razzo Vulcan Centaur della United Launch Alliance (ULA). Il successore dei veicoli Atlas V e Delta IV è, tra le altre cose, costruito per trasportare una notevole quantità di peso. Cinque sono carichi utili sponsorizzati dalla NASA diretti verso la superficie lunare in questa missione.

Il PITMS studierà l’esosfera lunare, il sottile involucro gassoso attorno alla Luna. “I risultati scientifici del PITMS mireranno a migliorare la nostra conoscenza dell’abbondanza e del comportamento delle sostanze volatili sulla Luna. Inoltre potremmo prevedere come rispondono a perturbazioni come gli scarichi dei razzi”, ha affermato Ryan Watkins, della NASA.

Peregrine porterà anche un sistema di spettrometro di neutroni, o NSS, ha spiegato Watkins. Questo strumento misurerà la quantità di neutroni vicino alla superficie lunare. Per deduzione, lo strumento aiuterà gli scienziati a capire quanto idrogeno è presente nell’ambiente e i livelli di idratazione del suolo. 

LRA, invece è un dispositivo composto da otto retroriflettori, piccoli specchi su una struttura di supporto in alluminio. “L’LRA consentirà al laser di determinare la distanza da qualsiasi veicolo spaziale in orbita o in atterraggio. Quindi l’LRA è uno strumento ottico passivo e funzionerà come indicatore di posizione permanente sulla Luna per i decenni a venire.” Gli ultimi due strumenti sono il sistema di spettrometro per volatili nel vicino infrarosso, o NIRVSS, e lo spettrometro di trasferimento di energia lineare, o LETS“Il primo effettuerà osservazioni della superficie lunare per determinare la composizione della superficie e la morfologia. Il secondo è un monitor delle radiazioni in grado di misurare l’ambiente per aiutare gli scienziati a capire quali eventi di particelle solari potrebbero verificarsi durante il volo” ha spiegato ancora Watkins. 

Gli altri gadget a bordo

Insieme, questi strumenti, analizzeranno le caratteristiche vicino al sito di atterraggio noto come Gruithuisen Domes. Gli scienziati sono interessati a questo luogo perché rappresentano flussi vulcanici sulla luna. “Caratterizzare la storia della collocazione di queste cupole Gruithuisen è una componente davvero importante per comprendere l’intera storia della regione”, ha detto Watkins. 

Oltre ai carichi utili della NASA, ci sono altri 15 gadget che verranno inviati sulla Luna. Mentre molti sono scientifici, come il rilevatore di radiazioni M-42 del Centro aerospaziale tedesco, alcuni saranno ricordi dell’esplorazione spaziale umana.

La capsula Lunar Dream del Giappone, per gentile concessione della società Astroscale, è una capsula del tempo con messaggi provenienti da oltre 80.000 bambini da tutto il mondo. L’Elysium Space degli Stati Uniti sta invece inviando i resti dei propri cari per creare memoriali lunari. E gli scienziati delle Seychelles stanno inviando un bitcoin. 

Una nuova frontiera di studio

“Porteremo sette nazioni sulla superficie lunare. Tra queste Regno Unito, Messico, Germania, Ungheria, Giappone e Seychelles”, John Thornton, ha affermato il CEO di Astrobiotic. “In realtà abbiamo effettuato la nostra prima vendita commerciale di carico utile per la consegna lunare una delle prime al mondo, nel 2014. Da allora, abbiamo raccolto clienti e costruito il manifest per questa missione”.

“Se sei uno scienziato lunare, potresti dover aspettare tutta la tua carriera per avere l’opportunità di far volare uno strumento in una missione planetaria. CLPS e questa partnership con la NASA offrono un opportunità unica. Gli scienziati potranno toccare regolarmente la superficie della Luna, più volte nella loro carriera, condurre campagne di test” ha aggiunto il CEO.

Il decollo del Peregrine Lunar Lander è attualmente previsto il 24 dicembre. Se il lancio avviene durante questa finestra, si prevede che il lander atterrerà sulla superficie lunare il 25 gennaio del 2024. “Negli ultimi dieci anni avete visto la Cina e, più recentemente, l’India sbarcare con successo sulla Luna”, ha detto Chris Culbert, project manager del CLPS. “Ma oggi nessuna azienda privata è riuscita a sbarcare sulla Luna. Euna sfida tecnica ardua, in particolare perché i motori dei veicoli robotizzati, i sistemi di navigazione, le radio e molti altri sistemi devono tutti lavorare insieme per consentire un atterraggio morbido.”

Il volo del Peregrine Lunar Lander

Dopo il lancio, il vettore e la navicella spaziale entreranno direttamente in una manovra chiamata iniezione translunare. Saranno ancora vicini alla Terra, ma su una traiettoria che interseca essenzialmente l’orbita della Luna. Entro circa un’ora dal lancio, Peregrine Lunar Lander si separerà ufficialmente dal suo veicolo di lancio e il team inizierà ad effettuare piccole manovre per assicurarsi la corretta traiettoria. 

Illustrazione della traiettoria di volo di Peregrine dalla Terra alla Luna. Credit: Astrobiotic
Illustrazione della traiettoria di volo di Peregrine dalla Terra alla Luna. Credit: Astrobiotic

“Sarà in realtà la prima volta che accendiamo i nostri motori”, ha detto Thornton. “Naturalmente li abbiamo lanciati individualmente, ma questa sarà la prima volta che saranno tutti insieme come veicolo spaziale”. Quindi, circa 12 giorni dopo, la navicella raggiungerà l’orbita lunare.

“Andremo su un’orbita media e resteremo in quell’orbita per un po’, mentre aspettiamo che le condizioni di illuminazione locale si allineino”, ha detto Thornton. “La maggior parte del tempo che intercorre tra il lancio e l’atterraggio è in realtà l’attesa che l’illuminazione locale sia corretta. Quindi, in pratica, stiamo cercando di atterrare in un punto specifico sulla Luna, a un’ora specifica del mattino”.

Una volta che tutto sembra a posto, la navicella spaziale si abbasserà sulla superficie nel luogo di atterraggio designato. Il lander funzionerà per circa 10 giorni prima del tramonto, fino alla stessa notte lunare che ha visto svanire il lander indiano Chandrayaan-3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *