Il volo con equipaggio con la capsula Starliner di Boeing è in ritardo per molte ragioni. Intenso traffico verso la ISS e motivi di sicurezza

Boeing in ritardo con la capsula Starliner

USAwenHop

Il primo volo con equipaggio con la capsula Starliner di Boeing è in ritardo. Il lancio è stato posticipato di diversi mesi, con il decollo ora previsto per il 21 luglio. Il mese scorso, Boeing e la NASA hanno dichiarato che il debutto degli astronauti sulla Starliner, una missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) chiamata Crew Flight Test (CFT), era sulla buona strada per il lancio ad aprile .

Intenso traffico verso la ISS

La sequenza temporale è stata posticipata la scorsa settimana, quando i funzionari della NASA hanno affermato che CFT decollerà dopo Ax-2, un volo privato gestito dalla compagnia di Houston Axiom Space che è stato programmato per l’inizio di maggio. “Abbiamo deliberato e deciso che il miglior tentativo di lancio non è prima del 21 luglio per CFT”, ha detto oggi Steve Stich, manager del Commercial Crew Program della NASA, durante una conferenza stampa.

I motivi del ritardo di Boeing con la capsula Starliner in realtà sono molteplici. In primis ci sarà un intenso traffico verso la ISS questa primavera. Dopo Ax-2 che decollerà a maggio, la prossima missione cargo robotica di SpaceX prevista per giugno.

Anche il sito di lancio di CFT, Cape Canaveral Space Force Station in Florida, sarà impegnato nei prossimi mesi. La United Launch Alliance (ULA) prevede di lanciare una missione per la US Space Force da Cape Canaveral con un razzo Atlas V questa primavera. Subito dopo il sito sarà impegnato con il primo decollo in assoluto del nuovo veicolo Vulcan Centaur della compagnia previsto per maggio. 

Altri test per la capsula Starliner

La NASA vuole anche un po’ più di tempo per analizzare i dati sui vari componenti di Starliner, come il suo sistema di paracadute, prima di mettere gli astronauti sul veicolo. E l’agenzia e Boeing hanno in programma di condurre un altro test a terra per testare lo scivolo che lo estrae e lo scudo termico anteriore di Starliner. Il test è previsto per gli inizi di maggio.

“In questo momento, non ci sono davvero problemi o preoccupazioni con il sistema di paracadute. I paracadute sono installati nel veicolo e sono in buone condizioni. È solo questione di esaminare tutti quei dati ed assicurarsi che siamo davvero pronti per volare in sicurezza”, ha detto Stich.La missione CFT invierà gli astronauti della NASA Butch Wilmore e Suni Williams sulla ISS per un soggiorno di circa otto giorni. Se tutto va bene con il volo di prova, la NASA probabilmente certificherà Starliner per le missioni operative degli astronauti nella stazione orbitante.

Un veicolo spaziale americano privato sta già eseguendo queste missioni di taxi con equipaggio. La Crew Dragon di SpaceX, all’inizio di questo mese ha lanciato il suo sesto volo di astronauti verso la ISS per conto della NASA. Il Crew Flight Test sarà il secondo viaggio di Starliner sulla ISS. La capsula ha già trascorso circa una settimana attraccata alla ISS nel maggio 2022, in una missione senza equipaggio chiamata Orbital Flight Test 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *