L'Ariane 6, dalla società francese Arianespace per conto dell'ESA, sostituirà il venerabile Ariane 5 nel primo lancio domani 9 Luglio

Il nuovo razzo pesante europeo Ariane 6 è pronto a fare il suo debutto con il primo lancio, a lungo rimandato, martedì 9 luglio. Se tutto procederà secondo i piani, il razzo Ariane 6 verrà lanciato dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese. La finestra temporale prevista è di quattro ore a partire dalle 18:00 GMT. Sarà possibile seguire il lancio in diretta, sui canali ufficiali dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). La copertura inizierà 30 minuti prima del decollo.

L’Ariane 6, gestito dalla società francese Arianespace per conto dell’ESA, sostituirà il venerabile Ariane 5, ritiratosi lo scorso anno dopo 117 voli effettuati in quasi tre decenni. L’Ariane 6 è in fase di sviluppo da quasi un decennio. Inizialmente era previsto che debuttasse nel 2020, ma problemi tecnici e problemi esterni come la pandemia di COVID-19 e l’ invasione in corso dell’Ucraina da parte della Russia hanno fatto slittare la tempistica più volte.

L’Europa ripone grandi speranze nel nuovo vettore, che dovrebbe effettuare dai nove ai dodici voli all’anno entro il 2026. “Il razzo garantirà il nostro accesso autonomo allo spazio, all’osservazione della Terra, lo sviluppo tecnologico e le possibilità commerciali che ciò comporta”, hanno scritto i funzionari dell’ESA in un’anteprima del lancio di debutto (rif.). “Grazie alle numerose caratteristiche inedite dell’Ariane 6, saremo in grado di trasportare più carichi e di portarli più lontano. Inoltre smaltiremo in modo sostenibile lo stadio superiore del lanciatore per evitare che diventi un detrito spaziale”, hanno aggiunto. 

L’Ariane 6 nel primo lancio dispiegherà nove Cubesat in orbita terrestre bassa (LEO) nel volo di martedì. Il razzo trasporterà anche una serie di esperimenti non orbitali, tra cui due capsule di rientro che saranno sottoposte a una prova del fuoco mentre tornano sul nostro pianeta attraverso la sua densa atmosfera. Anche lo stadio superiore del razzo tornerà sulla Terra, come ha fatto notare l’ESA nell’anteprima della sua missione. Ma quest’ultimo non sopravvivrà al viaggio, bruciando nella nostra aria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *