Alien, il più esaltato e rispettato tra tutti i film di fantascienza, festeggia oggi il suo 45° compleanno. Essendo una delle esperienze cinematografiche più impattanti della storia, la sua eredità risuona ancora oggi con la stessa ferocia di quando fu rilasciata dalla 20th Century Fox il 25 maggio 1979. Ma è quasi impossibile immaginare come fosse veramente in quei tempi. Mai prima dall’ora il genere era stato affrontato con stile e raffinatezza. La cupa atmosfera da camionista spaziale, intrisa di una ribollente sessualità anni ’70, ha dato al progetto una base tagliente nel mondo reale da cui lanciarsi nel film.

Le voci su questo oscuro progetto e sulla sua elaborata produzione britannica filtrarono per la prima volta nell’estate del ’78. Un film su una missione spaziale condannata e una bestia aliena clandestina. Chi può negare di aver sentito gli accordi della minacciosa colonna sonora di Jerry Goldsmith nello scioccante trailer R-Rate ? O di aver visto il poster teaser con il suo semplice slogan Nello spazio nessuno può sentirti urlare ?

Alien il film capolavoro di Ridley Scott

Quasi tutti i 91 cinema impegni per l’uscita cinematografica originale di Alien erano nel formato deluxe da 70 mm accompagnato da audio stereo multicanale. Il più importante cinema a schermo singolo di San Francisco, il Northpoint Theatre, ha ricevuto il trattamento migliore. La sua presentazione avvenne in Dolby Stereo. Quel momento fu accolto con una soffocante cacofonia di urla, sussulti, risatine, sbuffi nervosi e silenzio sbalordito. La maggior parte dei clienti è stata colta completamente alla sprovvista con un mezzo boccone di popcorn.

Alien di Sir Ridley Scott è stato un’impresa rivoluzionaria in modi che ancora risuonano in tutto il genere horror. Decenni in anticipo sui tempi, ma anche un prodotto riflessivo del suo tempo. Alien ha ispirato e infuso le future generazioni di sceneggiatori e registi con una creatività cruda e carnale. La creatura biomeccanica senza occhi del film, generata dalla mente contorta del surrealista svizzero HR Giger, era la manifestazione fisica di una paura primordiale. Come esseri umani ci concentriamo istintivamente sugli occhi di qualsiasi forma di vita per orientarci e accertare le intenzioni. Senza quella bussola emotiva siamo tutti alla deriva in un abisso di sensazioni primitive.

La sceneggiatura di Dan O’Bannon e Ron Shusett, era essenzialmente una versione raffazzonata del classico del 1958, It! The Terror From Beyond Space, cosparsa di elementi estratti dalla loro vecchia sceneggiatura opzionale intitolata. Riscritto e perfezionato da David Giler e Walter Hill, è stato trasformato nel Santo Graal del horror di fantascienza con cui Scott ha potuto dipingere la sua Mona Lisa. Il regista britannico era in gran parte sconosciuto agli appassionati di cinema ed a Hollywood. L’artista svizzero HR Giger esponeva in gallerie d’avanguardia con i suoi bizzarri dipinti X-rated, e i concept artist Ron Cobb, Chris Foss e Jean Giraud uscivano dal progetto Dune abortito di Alejandro Jodorowsky.

Il tempismo perfetto dell’uscita

Ma è stato proprio questo allineamento cosmico, in un clima post Vietnam, ha permesso la nascita di Alien, in un momento in cui la fantascienza si stava dirigendo verso un mondo post-Star Wars con offerte molto misere. Scott è un maestro nel costruire narrazioni piene di suspense che mescola suoni e immagini che amplificano la sua scenografia. C’è un modo quasi feticistico in cui Scott si sofferma sulla bocca sbavante della creatura, sui movimenti seducenti, sulla testa a forma fallica e sui movimenti fluidi onirici. Un boost per le paure latenti e le repressioni sessuali del pubblico.

È probabile che non avremo mai un altro film come Alien e la sua perfetta tempesta creativa di idee ed esecuzione. Avremo sempre in testa l’originale, non importa quanti sequel, prequel e spin-off emergano dal materiale originale con rendimenti per lo più decrescenti. Proprio come Ash, l’ufficiale scientifico di Ian Holm, ammirava lo xenomorfo per la sua purezza, possiamo condividere questi sentimenti riguardo la pura perfezione del capolavoro di Ridley Scott. Quindi accendi una candelina di compleanno, fai un respiro profondo, esprimi un desiderio e vai di nuovo a vedere il film Alien con qualcuno che ami. E se hai bisogno di urlare, fallo senza remore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *