La NASA e la SpaceX stanno cercando di estendere la durata della missione Crew Dragon oltre i voli previsti dal precedente contratto

NASA e SpaceX estendono il contratto Crew Dragon a 15 voli

AstroEconomy

La NASA e SpaceX stanno cercando di estendere il numero di voli della capsula Crew Dragon da cinque a 15. Il 30 maggio 2020, la Crew Dragon è diventata la prima navicella spaziale americana a trasportare astronauti in orbita dal 2011. Nello stesso giorno la prima navicella spaziale privata a raggiunse la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Da allora, i veicoli Crew Dragon hanno trasportato 49 diversi astronauti nello spazio in 13 missioni, nove delle quali per la NASA e quattro private.

Crew Dragon Endeavour il record di voli

La navicella spaziale Crew Dragon conosciuta come Endeavour è stata da poco rilanciata nello spazio il 3 marzo. Il volo ha trasportando tre astronauti della NASA e un cosmonauta russo nella missione Crew-8. Le altre tre navicelle spaziali Crew Dragon, Resilience, Endurance e Freedom, sono volate e ritornate dallo spazio più volte, ma nessuna ha volato così tanto quanto Endeavour. Crew-8 segna il quinto volo per Endeavour, il numero massimo di voli per cui la navicella spaziale Crew Dragon è stata qualificata. 

La NASA e SpaceX chiamano, questo veicolo spaziale il leader della flotta e potrebbe potenzialmente dimostrarsi degno di più voli. Secondo i funzionari della NASA, Crew Dragon potrebbe essere in grado di volare fino a 15 volte. Tutto dipenderà dai risultati di una campagna di riqualificazione che l’agenzia e SpaceX intraprenderanno quest’anno e il prossimo.

Durante una conferenza stampa del della missione Crew-8, Steve Stich, responsabile del programma Commercial Crew Program della NASA, ha affermato che SpaceX sta attualmente eseguendo test di qualificazione di ogni singolo componente della navicella Dragon al fine di determinare quanti voli che la navicella spaziale potrebbe essere in grado di effettuare. 

L’estensione a 15 voli

“Stiamo proprio ora intraprendendo quella che chiamiamo la nostra certificazione Dragon estesa”, ha risposto Stich durante il briefing. “Ci stiamo lavorando quest’anno, e probabilmente l’anno prossimo, vederemo per quanto tempo faranno volare Dragon”. Stich ha affermato che quando Crew Dragon Endeavour tornerà sulla Terra intorno all’agosto 2024 alla fine della missione Crew-8, la NASA e SpaceX analizzeranno vari componenti del veicolo spaziale che sono stati esposti all’ambiente spaziale su e giù per molti anni.

Alcune di queste analisi saranno supervisionate da John Posey, ingegnere capo di Dragon nel Commercial Crew Program della NASA. In un’intervista, Posey ha dichiarato che le navicelle Dragon hanno subito continue modifiche e aggiornamenti nel corso della loro vita. Nella maggior parte dei casi, ciò comporta la sostituzione di parti per rendere le capsule più sicure o idonee al volo prima di una missione. Quando si tratta di aumentare potenzialmente il numero di voli da cinque a 15, la decisione dipenderà dai test che SpaceX effettuerà sui singoli componenti.

“Quindi, mentre segui questo processo, si scopre che forse al decimo volo, una parte inizierà a usurarsi. Quindi su quei componenti, dobbiamo limitarlo a 10 voli o riprogettarlo in modo che possa arrivare al 15 voli”, ha detto Posey. Lo stesso ha aggiunto che alcune di queste singole parti sono già state approvate per 50 voli. Anche se molti dei componenti più piccoli della navicella spaziale Crew Dragon sono stati sostituiti, le strutture primarie della capsula rimangono originali. “Quindi i singoli componenti entreranno e usciranno. Ma le parti strutturali primarie non cambiano realmente”, ha aggiunto.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *