Il nuovo satellite meteorologico avanzato, GOES-U, della NOAA sarà lanciato nel mese di Giugno tramite il Falcon Heavy di SpaceX

Il nuovo satellite meteorologico NOAA sarà lanciato a giugno

wenHop

Il conto alla rovescia ora segna meno di un mese al lancio del satellite metereologico GOES-U della NOAA su un razzo Falcon Heavy di SpaceX. All’inizio dell’anno, il quarto satellite della serie GOES-R ha compiuto il viaggio dalla sede della Lockheed Martin, alla Florida per l’elaborazione finale. La finestra di lancio di due ore della missione si aprirà martedì 25 giugno alle 21:16 GMT. Il razzo decollerà dal Launch Complex 39A presso il Kennedy Space Center della NASA.

GOES-U il protagonista della costellazione della NOAA

Ma prima che GOES-U raggiunga il sito di lancio, ci sono ancora molti altri passaggi da compiere. Per prima cosa, il satellite dovrà essere posizionato sopra il suo razzo Falcon Heavy. “Sarà incapsulato il 13 giugno, verrà spostato nel Complesso 39 il 14 e lì eseguiremo alcuni test e configurazioni finali del veicolo spaziale”, ha dichiarato Rex Engelhardt, responsabile della missione. “A questo punto, saremo pronti per realizzare un assemblaggio incapsulato con il satellite e il Falcon Heavy il 22 giugno. Porteremo il Falcon Heavy con la navicella spaziale sulla rampa di lancio il 23”.

Il primo lancio della serie, GOES-R, è avvenuto nel 2016, seguito da GOES-S e GOES-T rispettivamente nel 2018 e nel 2022. Ma rispetto ai suoi tre predecessori della serie, GOES-U sarà il protagonista della costellazione. Non solo avrà tutte le potenzialità dei suoi fratelli, ma includerà strumenti che forniscono immagini avanzate all’avanguardia. Effettuerà misurazioni atmosferiche del clima terrestre, degli oceani e dell’ambiente. Inoltre mapperà in tempo reale l’attività totale dei fulmini. Ma GOES-U avrà anche miglioramenti a ciascun componente in base agli aggiustamenti che la NOAA ha ritenuto necessari rispetto al trio precedente. 

“La NOAA vuole il miglior veicolo spaziale incorporando tutti gli aggiornamenti apprese dallo sviluppo e dal funzionamento dei primi tre satelliti. Il nostro team ha inserito tutti i miglioramenti del processo di progettazione derivati ​​dalle prime tre costruzioni” ha dichiarato John Deily durante il briefing presso il Goddard Space Flight Center della NASA. 

Nuovi strumenti avanzati per previsioni sempre più accurate e rapide

Il satellite della NOAA includerà anche un nuovissimo strumento coronografo compatto (CCOR) per aiutare con le previsioni meteorologiche spaziali. “Lo strumento CCOR ha partecipato a pieno titolo ai rigorosi test del satellite GOES-U. CCOR è pronto a diventare il primo coronografo operativo in orbita geosincrona e a produrre immagini spettacolari della corona del nostro sole”, ha aggiunto Deily. Lo strumento CCOR aiuterà gli scienziati a comprendere e migliorare ulteriormente le previsioni per gli eventi meteorologici spaziali.  

Si tratterà anche di un enorme aggiornamento del vecchio coronografo LASCO montato sulla navicella spaziale SOHO della NASA ed ESA, lanciata nel 1995. In più fornirà un’immagine ancora più chiara delle misurazioni della corona, l’atmosfera esterna del Sole. “Lo fa bloccando il disco del sole, creando un’eclissi solare totale ogni 30 minuti. Ciò ci permette di osservare le grandi espulsioni di massa coronale che possono scagliare miliardi di tonnellate di materia a milioni di miglia all’ora verso la Terra”, ha detto durante il briefing Elsayed Talaat, direttore dell’Ufficio per le osservazioni meteorologiche spaziali del NESDIS.

“Questi tipi di osservazioni sono fondamentali per le nostre previsioni a lungo termine sulla meteorologia spaziale. Ci daranno da uno a quattro giorni di preavviso prima che raggiungano la Terra qui e causino tempeste geomagnetiche potenziali dannose per la nostra salute e le tecnologie critiche. Sostituirà la nostra obsoleta infrastruttura di ricerca che può richiedere fino a otto ore per ottenere tali misurazioni. Ora le avremo continuamente”.

Operatività piena nel 2025

Dopo il lancio e l’inizio della sua orbita, il satellite della NOAA cambierà la designazione in GOES-19 e sarà sottoposto a controlli incrociati di tutti i suoi sistemi, strumenti e dati. Una volta pronto per operare prenderà il posto di GOES-R, probabilmente nell’aprile 2025. La tecnologia dell’intera serie di satelliti ha già migliorato le previsioni meteorologiche. Consente un monitoraggio più attento dei sistemi pericolosi, come condizioni meteorologiche avverse e uragani ed ha persino aiutato vigili del fuoco a rilevare e monitorare gli incendi. 

Ogni 10 minuti vengono effettuate scansioni complete della Terra e ogni 30 secondi possono essere forniti aggiornamenti su particolari sistemi di tempesta, consentendo ai meteorologi di emettere avvisi e avvisi avanzati e di avere una comprensione ancora migliore della formazione, crescita e decadimento delle tempeste. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *