Dopo il recente successo di Chandrayaan-3 l'india si prepara a lanciare la sua prima sonda solare Aditya-L1 nel punto di Lagrange L1

L’India lancerà il suo primo veicolo spaziale per lo studio del Sole questo fine settimana. La sonda solare Aditya-L1 decollerà sabato 2 settembre alle 06:20 GMT. L’annuncio è stato fatto lunedì 28 agosto dall’ Organizzazione indiana per la ricerca spaziale (ISRO).  

Gli obiettivi di missione

La navicella decollerà a bordo di un veicolo di lancio satellitare Polar dal centro spaziale Satish Dhawan, sull’isola di Sriharikota, al largo della costa orientale dell’India. La sonda solare  Aditya-L1 si dirigerà inizialmente verso l’orbita terrestre bassa, dove i suoi vari sistemi saranno controllati dal team di missione. Se tutto andrà bene, la navicella allenterà gradualmente la sua orbita, liberandosi infine dall’attrazione gravitazionale della Terra

A quel punto Aditya-L1 si dirigerà verso il punto Lagrange L1, un punto gravitazionalmente stabile a circa 1,5 milioni di chilometri di distanza da noi. “Un satellite posizionato nell’orbita dell’alone attorno al punto L1 ha il grande vantaggio di vedere continuamente il sole senza occultazioni/eclissi”, hanno scritto i funzionari dell’ISRO in una descrizione della missione (rif.). “Ciò fornirà un vantaggio maggiore nell’osservazione dell’attività solare e dei suoi effetti sulla meteorologia spaziale in tempo reale”.

Una volta raggiunto L1, la sonda utilizzerà i suoi sette strumenti scientifici per studiare il sole in vari modi. Ad esempio, i dati di Aditya-L1 potrebbero aiutare i ricercatori a comprendere meglio la dinamica dei brillamenti solari e delle massicce eruzioni di plasma solare supercaldo note come espulsioni di massa coronale. La sonda Aditya-L1 potrebbe anche far luce sul motivo per cui l’atmosfera esterna del sole, conosciuta come corona, è molto più calda della sua superficie. 1 milione° C, rispetto a soli 5.500° C.

Lo sforzo spaziale indiano

L’investimento indiano per la missione è di 45 milioni di dollari. La sonda solare  Aditya-L1 seguirà da vicino il grande successo della nazione sulla Luna. Il duo lander-rover Chandrayaan-3 del paese è riuscito ad atterrare mercoledì 23 Agosto.

Da allora Chandrayaan-3 ha esplorato la regione polare meridionale della Luna, un’area che fino ad ora non aveva ospitato una missione di superficie. I sostenitori dell’esplorazione sono incuriositi dalle regioni polari della Luna perché si ritiene che ospitino grandi quantità di ghiaccio d’acqua, risorsa chiave che potrebbe supportare gli avamposti umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *