Un render del lander indiano Vikram con il rover Pragyan che insieme formano la sonda Chandrayaan-3.

La sonda lunare indiano Chandrayaan-3 potrebbe aver appena rilevato la prima prova di un “lunamoto” dagli anni ’70. Lo strumento per l’attività sismica lunare (ILSA) collegato al lander Vikram ha rilevato l’attività sismica sulla superficie della Luna il 26 agosto.

Vikram è atterrato sul polo sud della luna il 23 agosto come parte della missione Chandrayaan-3 , la prima missione dell’India alla superficie lunare. Se fosse confermato, il terremoto lunare, rilevato insieme ad altre attività, inclusi i movimenti del rover indiano Pragyan, fornirebbe agli scienziati una rara visione delle misteriose viscere lunari.

Il primo lunamoto dopo 50 anni

Il lander “ha registrato un evento, che sembra essere naturale, il 26 agosto 2023”, ha scritto l’Indian Space Research Organization (ISRO) su X , precedentemente Twitter. “La fonte dell’evento è sotto indagine”. Le missioni lunari Apollo tra il 1969 e il 1977 rilevarono per la prima volta un’attività sismica sulla Luna. Allora si dimostrò che la Luna aveva una complessa struttura geologica nascosta nel profondo.

Negli ultimi anni, strumenti di analisi avanzati e modelli computerizzati, hanno consentito agli scienziati di vagliare i dati raccolti da Apollo e da altre missioni. Le indagini hanno permesso di costruire un quadro più chiaro del misterioso interno della Luna. Uno studio della NASA del 2011 (rif.) ha rivelato che il nucleo della Luna, proprio come quello della Terra, era probabilmente costituito da ferro fluido.

Nel maggio 2023, i ricercatori hanno utilizzato i dati del campo gravitazionale per confermare questa ipotesi del nucleo di ferro. Il risultati dello studio pubblicati su Nature (rif.) suggeriscono che le macchie del mantello fuso della Luna, potrebbero essere separate dal resto. Questi grumi di ferro, fluttuando in superficie, generano lunamoti mentre si spostano.

Le prossime analisi di Chandrayaan-3

Ma il lunamoto di Chandrayaan-3 è solo l’inizio dei segreti della Luna. I campi magnetici planetari sono prodotti all’interno dei pianeti dal movimento del materiale elettricamente conduttivi e fusi. L’interno della luna non magnetica ed è molto diverso da quello della Terra. Gli scienziati ritengono che l’interno si sia raffreddato rapidamente e in modo uniforme dopo la sua formazione circa 4,5 miliardi di anni fa. Significa che non ha un forte campo magnetico e molti scienziati credono che non lo abbia mai avuto.

Questa e solo una delle domande a cui potrebbe rispondere il rover Chandrayaan-3. Il lander e il rover sono entrambi alimentati a energia solare. In questo momento sono in modalità di sospensione finché la luna non esce dalla sua notte di circa 14 giorni. Quando il Sole colpirà nuovamente la faccia del polo sud lunare il 22 settembre, entrambi gli strumenti saranno pronti a cercare le risposte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *