Il ritrovamento di grani di ossido di ferro in antichi mattoni mesopotamici rivelano un anomalia del campo terrestre

Anomalia del campo magnetico in antichi mattoni mesopotamici

AstropillsAstropills sulla Terra

Antichi mattoni della Mesopotamia hanno contribuito a confermare una misteriosa anomalia nel campo magnetico terrestre avvenuta 3.000 anni fa. I muratori cuocevano i mattoni, sui quali erano impressi i nomi dei re mesopotamici, tra il terzo e il primo millennio a.C.

I granelli di ossido di ferro all’interno dell’argilla registravano i cambiamenti nel campo magnetico terrestre quando i mattoni venivano riscaldati. Questo ha consentito agli scienziati di ricostruire le mutazioni del campo magnetico nel corso del tempo. Un nuovo studio (rif.), pubblicato il 18 dicembre sulla rivista PNAS ha confermato le ipotesi iniziali.

I 32 mattoni di argilla

“Di solito dipendiamo da metodi come la datazione al radiocarbonio per avere un senso della cronologia nell’antica Mesopotamia”, ha detto in una dichiarazione (rif.) il coautore dello studio Mark Altaweel, professore di archeologia all’università di Londra. “Tuttavia, alcuni resti culturali più comuni, come i mattoni e la ceramica, non possono essere facilmente datati perché non contengono materiale organico. Questo lavoro ora aiuta a creare un’importante linea di base per la datazione”.

Per studiare il campo magnetico terrestre i ricercatori hanno esaminato 32 mattoni di argilla dell’antica Mesopotamia, l’odierno Iraq. I grani di ossido di ferro sono sensibili al campo magnetico e quando vengono riscaldati, mantengono una firma distintiva dal campo magnetico terrestre.

Su ogni mattone era inciso il nome di uno dei 12 re mesopotamici durante il regno di ciascun sovrano. Il team ha misurato la forza magnetica dei grani, in ciascun mattone, staccando minuscoli frammenti. Utilizzando un magnetometro hanno misurato la forza del campo magnetico. Infine combinando le date dei regni con l’intensità del campo misurato, hanno creato una linea temporale che mostra le variazioni e l’anomalia del campo magnetico terrestre.

L’anomalia magnetica dell’era mesopotamica

La loro ricerca ha portato a galla le prove di un anomalia magnetica dell’età del ferro levantina. Tra il 1050 e il 550 a.C il campo magnetico del pianeta era sorprendentemente forte intorno in Medio Oriente. Altre prove sulla Terra erano state rilevate dalla Cina, alla Bulgaria fino alle Azzorre nel Nord Atlantico, ma molto scarse in questa zona del mondo

In cinque campioni, risalenti al regno di Nabucodonosor II (circa dal 604 al 562 a.C.), i grani indicavano che il campo magnetico terrestre cambiò drasticamente. “Il campo geomagnetico è uno dei fenomeni più enigmatici nelle scienze della Terra”, ha affermato nella dichiarazione la coautrice dello studio Lisa Tauxe, professoressa di geofisica presso lo Scripps Institution of Oceanography in California. 

“I resti archeologici delle culture mesopotamiche, in particolare i mattoni incisi , forniscono un’opportunità senza precedenti. Ci permettono di studiare i cambiamenti nell’intensità del campo magnetico con elevata risoluzione temporale, monitorando i cambiamenti avvenuti nel corso di diversi decenni o anche meno” ha concluso la ricercatrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *